< HOME < CURIOSITÀ

Gian Maria Volonté

Gian Maria Volonté, Leone d’oro alla carriera al Festival del Cinema di Venezia, è considerato unanimamente uno dei più grandi attori italiani. L’attore milanese, diretto da registi del calibro di Sergio Leone, Francesco Rosi, Elio Petri e Giuliano Montaldo, è stato protagonista di numerose pellicole rimaste nella storia della cinematografia: “Per un pugno di dollari”, “Per qualche dollaro in più”, “Uomini contro”, “Sacco e Vanzetti”, “Sbatti il mostro in prima pagina”, “Cristo si è fermato a Eboli” o “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”.

Volonté scopre La Maddalena e il suo Arcipelago frequentando il Centro Velico di Caprera dove, nel 1976, ottiene il grado di istruttore.


”Wikipedia”

Non nascose mai il suo grande amore per questa terra e, con la sua barca a vela ribattezzata Arzachena, negli anni continuò a cercare riparo tra gli scogli dell’Arcipelago. Dopo aver deciso di ritirarsi dal cinema nei primi anni ’90, la corte del regista Theo Angelopoulos lo riporta sulle scene con una parte di rilievo nel film “Lo sguardo di Ulisse” del 1994. Gian Maria Volonté muore d’infarto il 6 di Dicembre durante le riprese dello stesso film.

Le sue spoglie riposano, come da sua volontà, sotto un pino piegato dal maestrale nel piccolo cimitero di La Maddalena. “Le vent se lève, il faunt tenter de vivre” (Si alza il vento, bisogna tentare di vivere) sono le parole del poeta francese Paul Valery diventate l’epitaffio sulla sua lapide, alcune pietre di granito che ricordano la forma di una barca a vela.


Montebello21 ✓ Notice Fonti e Approfondimenti
it.wikipedia.org