< HOME < CURIOSITÀ

Domenico Millelire e la sconfitta di Napoleone

Un Napoleone ventiquattrenne arrivò il 22 febbraio del 1793 con una spedizione francese, comandata dal corso Colonna Cesari, composta da ben 22 navi e seicento uomini. Giunti dalla Francia per conquistare le isole italiane, si stabilirono sull’Isola di Santo Stefano dalla quale avevano facilmente modo di bombardare sitematicamente La Maddalena.


”Wikipedia”

Domenico Millelire, nocchiero maddalenino allora trentaduenne, divenne l’eroe della resistenza a protezione delle coste sarde. Con i duri colpi dei suoi cannoni, posizionati a Punta Tegge, sulla costa sarda e persino su di una scialuppa “infiltrata” tra le navi nemiche, sorprese a tal punto il comandante della flotta della Repubblica Francese da costringerlo dopo soli tre giorni a ordinare la ritirata verso la Corsica. Fu così che il giovane luogotenente e futuro Imperatore di Francia Napoleone Buonaparte conobbe per la prima volta la sconfitta.

L’eroismo dimostrato in battaglia valsero a Domenico Millelire promozioni, denaro e persino una medaglia d’oro al valor militare.


Montebello21 ✓ Notice Fonti e Approfondimenti
www.lamaddalena.it